seminari  della  Corrente  umanista  socialista
seminari della Corrente umanista socialista

prospettive esistenziali un approccio umanista (2015)

Uno sguardo attento alla vita permette di scorgere ciò che di più profondo ci muove come esseri umani. La ricerca di affermazione della vita prova ad emergere dalle ombre sempre più oscure dell’oppressione decadente. Lo si percepisce con forza dal coraggioso cammino intrapreso da migliaia di persone che gli Stati cercano di respingere; lo si può vedere nell’eroismo di donne e uomini che combattono soli contro il mostro neo-nazista dell’IS; lo si intravede nei gesti quotidiani di chi cerca di vivere meglio assieme sfidando le diverse espressioni di egoismo e sopraffazione diffuse dalle ideologie dominanti e tra la gente.
È possibile non accontentarsi della vita così com’è? È possibile cominciare a cercare assieme agli altri un’alternativa?
La ricerca di una vita migliore comincia dall’im-parare a pensarla diversamente. Nel comprendere la nostra esistenza possiamo imparare a partire dai tratti essenziali che ci accomunano tutti e tutte come esseri umani e che ciascuno vive e interpreta in modi differenti.
A questo dedichiamo i quattro appuntamenti della V annualità dei Seminari “Le persone e le idee” in cui si affronterà l’esistenza nei suoi differenti aspetti

“qualunque essere umano è in grado di esprimere il fatto che un colore gli piace più di un altro, o che una sensazione (il caldo, il freddo, più caldo, più freddo) gli piace più di un’altra. Non soltanto sente e conosce, ma esprime il suo grado di preferenza, cioè esprime il suo grado di coscienza”.

Dario Renzi in Fondamenti di un umanesiomo socialista

4 temi per 4 appuntamenti

la dimensione biologica e quella materiale reciprocità e socialità       conoscenza e culture pensiero di sé o l’autocoscienza

la dimensione biologica e quella materiale

La dimensione biologica e quella materiale

Tutti parenti, tutti differenti: la nostra umanità è comune a partire dai tratti biologici più essenziali, così come dal punto di vista materiale. Siamo parte della natura prima ma in modo speciale perché la pensiamo. Dai tratti somatici al funzionamento del nostro organismo, dal nutrimento all’abitare possiamo scorgere un’universalità che si esprime in ciascun individuo o in gruppi che possono imparare a scegliere come vivere questi aspetti.

reciprocità e socialità      

Reciprocità e socialità

Ogni essere umano nasce e vive a partire da altri individui e in contesti comuni. Il riconoscimento di questo aspetto elementare è fondamentale per scegliere come indirizzare i propri rapporti ed ambiti collettivi che spesso si danno per scontati e si subiscono, tanto più in questa fase di decadenza

conoscenza e culture

conoscenza e culture

Il bisogno di conoscere e di educare, di rappresentare e di sedimentare, di comunicare ed evocare è proprio di ogni individuo, permette di affermarsi come persone, di costruire relazioni ed è la base di ogni aggregato umano. La decadenza che l’umanità vive rende sempre più evidente l’obsolescenza delle culture dominanti e sempre più urgente un pensiero della vita differente per fondare una cultura di comunanza che ponga al centro le persone e le idee.

pensiero di sé o l’autocoscienza

pensiero di sé o l’autocoscienza

La coscienza è ciò che più ci contraddistingue come specie e ci rende unici come individualità e allo stesso tempo simili a tutti gli altri esseri umani. Tutto ciò che viviamo diventa parte di noi, del nostro sentire, dei nostri pensieri e facoltà, del nostro essere, del nostro mondo interno. È il pensiero di sé che permette di scegliere che persone vogliamo essere, è una possibilità concreta per migliorare assieme la nostra esistenza.